Centinaia di persone a Madrid rivendicano la femminilità e la mascolinità "in opposizione al femminismo che mette uomini e donne l'uno contro l'altro?

 

-       Nella manifestazione, che è stata convocata dalla piattaforma "Women of the World" e che ha avuto il sostegno di 51 associazioni di 21 paesi, sono stati scanditi slogan come "donna e uomo, complemento sono", "femminilità, maternità", "madre e padre, non mancare".

-       Leonor Tamayo: "Oggi si cerca di associare gli uomini alla violenza mentre la maternità è messa all'angolo. Vogliamo essere donne complete e abbiamo bisogno di uomini virili e cavallereschi".

 

MADRID, 10 MARZO 2019. Questa domenica mattina centinaia di persone si sono riunite per la prima volta nel centro della capitale della Spagna per per rivendicare la femminilità e la mascolinità "di fronte al femminismo che mette uomini e donne gli uni contro gli altri?

L'evento è stato convocato dalla piattaforma Women of the World presieduto da Leonor Tamayo ed è stato sostenuto da 51 associazioni di 21 paesi. I partecipanti sono partiti da Plaza de Isabel II (Opera) per finire alla Puerta del Sol. Alla testa della manifestazione, un grande striscione rifletteva lo slogan principale: ?Nel Sì delle donne. Anche in Maschio?

Già nella Puerta del Sol, e al ritmo di una musica epica, i giornalisti Javier Villamor e Inmaculada Fernández ha presentato l'evento, che è iniziato con l'esposizione del manifesto "8M? 8 bugie + 8 motivi + 8 misure + 8 modi che quattro donne hanno letto.

Tra le bugie che sono state denunciate, spiccano le seguenti che le donne sono sempre le vittime e gli uomini sono sempre i violenti e potenziali abusatori?

Tra le ragioni che hanno portato gli organizzatori a organizzare la manifestazione ci sono Le donne sono discriminate nel mondo del lavoro perché sono madri, non perché sono donne? Ha anche richiesto il abrogazione delle leggi di genere che non rispettano e riconoscono l'identità femminile e la complementarità dei sessi, così come la eliminazione delle quote e l'azione affermativa.

Omaggio agli uomini

Da parte sua, la scrittrice Alicia Rubio, autrice del libro "Cuando nos prohibieron ser mujeres y os persiguieron por ser hombres" ("Quando ci proibivano di essere donne e vi perseguitavano per essere uomini"), è intervenuta per affermare che "in Spagna le donne non sono in una situazione di inferiorità o di discriminazione. Inoltre, molti di noi cominciano a sentire che sono gli uomini ad essere discriminati dalla legge ....

La chiusura Leonor Tamayo era a capo della manifestazione, che ha assicurato che non è una "femminista" né "vuole esserlo" perché Il femminismo oggi significa confronto, lotta, disprezzo per gli uomini. E voglio una società in cui uomini e donne siano uguali davanti alla legge, ma in cui le meravigliose differenze tra i due siano riconosciute e valorizzate....

Il momento più commovente è arrivato alla fine del discorso di Tamayo, quando ha invitato i presenti a rendere un omaggio agli uomini? Quando dieci uomini sono saliti sul palco, il presidente del Women of the World si è rivolto a loro in questi termini: Non smettere di essere quello che sei. Abbiamo bisogno che tu sia mascolino, virile, gentiluomo. Ti amiamo così e ci piaci così.

50 partnership in 20 paesi

Tra le associazioni che hanno aderito all'iniziativa ci sono gli Abogados Cristianos spagnoli, HazteOir.org, Enraizados, Familia y Dignidad Humana, Feminidisidencia, Familias Numerosas de Madrid, Remar, Genmad, Instituto de Política Familiar, Temps de Dones e Profesionales por la Ética. Tra gli stranieri, Asociación Cívica Femenina (Messico), Canada Silent NoMore, Femina Europa (Francia), Moms For America (Stati Uniti), Unidos por la Vida (Colombia) e Woman Attitude (Belgio).

Alla testa della manifestazione, portando lo striscione con lo slogan, c'erano il presidente di Women of the World, Leonor Tamayo, la scrittrice Alicia Rubio e i rappresentanti delle associazioni membri, come Mª Ángeles Eyries e Miguel Gómez de Agüero. (Professionisti dell'etica), Gádor Joya (piattaforma Diritto di vivere), José Castro (associazione Radicato), Marcos Chicharro (Canottaggio), Lola Velarde (Istituto di politica familiare), Antonia Carrasco (Genmad) e Teresa García-Noblejas (HazteOir.org).

Immagini della dimostrazione qui: https://www.flickr.com/photos/womenworldplatform/albums/72157707932653914

DISCORSO COMPLETO DI LEONOR TAMAYO

Sono una donna, sono una moglie, sono una madre e sono una professionista. E non sono una femminista.

Difendo la femminilità, la maternità e la dignità delle donne, ma non sono una femminista.

Voglio un ambiente di lavoro che valorizzi e riconosca il valore aggiunto che la maternità apporta alle nostre carriere professionali, che non ci penalizzi se vogliamo ridurre il nostro orario di lavoro per essere puntuali a prendere i bambini a scuola, se prendiamo un congedo o se vogliamo avere più figli.

Non voglio che siamo ignorati o umiliati, o condannati alla morte sociale se scegliamo per un periodo, o per sempre, di dedicarci esclusivamente alla nostra famiglia. Le donne invisibili, quelle di cui nessuno parla, sono state il mortaio della nostra società per anni. E ancora oggi queste donne invisibili continuano a costruire silenziosamente famiglie e cuori senza il minimo riconoscimento sociale.

Non sono una femminista perché sono una madre di ragazzi e ragazze e voglio che la giustizia sia uguale per entrambi. Certo, voglio che le mie figlie possano camminare di notte in pace, ma voglio anche che i miei figli non abbiano pregiudizi solo perché sono uomini. Voglio che le mie figlie realizzino i loro sogni grazie al loro duro lavoro e al loro valore, non perché sono donne, e voglio che anche i miei figli possano godere nel vederli crescere.

Non sono una femminista, e non voglio esserlo, perché il femminismo OGGI, significa confronto, lotta, disprezzo per gli uomini. E voglio una società in cui uomini e donne siano uguali davanti alla legge, ma in cui le meravigliose differenze tra i due siano riconosciute e valorizzate.

Voglio essere femminile, pienamente femmina, orgogliosa delle mie capacità e delle qualità proprie del mio sesso e bisognosa di voi, nostri cari uomini, per essere maschile.

Oggi, la mascolinità è associata alla violenza e la cavalleria al machismo. Ed è per questo che anche noi rivendichiamo e celebriamo l'identità maschile.

Cari uomini: voi siete l'altro lato della bilancia, il nostro contrappeso, dove troviamo la reciprocità. Siete i nostri compagni, il nostro complemento perfetto.

Sei il nostro sostegno nei momenti difficili, la ragione della nostra più grande rabbia e della nostra più grande gioia. Voi siete quelli che a volte si scontrano di più con noi e a volte sembra addirittura che ci sia un abisso che ci separa perché siamo così diversi.

Voi siete quelli che sanno darci l'altro punto di vista, quelli che ci mostrano l'altra faccia della medaglia affinché la visione sia completa.

Siete a volte grossolani o con una sensibilità incomprensibile per noi.

Siete voi che ci prestate il vostro cappotto quando fa freddo, ci aprite la porta e ci fate entrare naturalmente.

Siete uomini, diversi da noi, complementari e uniti nella reciprocità sia in casa che nel lavoro, nella politica e nella cultura... Siete la metà del mondo, l'altra metà che completa il cerchio.

Cari uomini, non smettete di essere quello che siete. Abbiamo bisogno che tu sia mascolino, virile, gentiluomo. Ti amiamo così e ci piaci così.