Recuperare la voce delle donne

http://www.realwomenofcanada.ca/reclaiming-the-voice-of-women/

REALTÀ Aprile 2019

Recuperare la voce delle donne

Le donne di tutto il mondo sono profondamente stufe dell'appropriazione gratuita della loro voce da parte delle femministe radicali, che pretendono di rappresentare l'autentica voce delle donne. Questo è un falso presupposto. È giunto il momento di reclamare la vera voce delle donne contro il dominio delle femministe radicali, che in realtà consistono in un nucleo di donne stridenti e amare. Credono che gli uomini, che disprezzano, siano il loro nemico, e che l'accesso illimitato all'aborto sia necessario per essere veramente libere di vivere la loro vita. Credono che essere oppressi dai figli e dalle responsabilità familiari impedisca loro di realizzarsi. Per promuovere queste richieste, queste femministe aggressive diffondono le loro menzogne negando l'essenza dell'uomo e della donna e la loro complementarità.

È innegabile che nessuna singola serie di convinzioni può rappresentare il punto di vista di tutte le donne, poiché abbiamo opinioni molto varie e molto diverse sulla maggior parte delle questioni, proprio come gli uomini. I nostri punti di vista sono modellati dai nostri diversi background educativi, sociali, economici, religiosi e culturali.

Tuttavia, ci sono due concetti su cui la maggior parte delle donne sono d'accordo, nonostante le loro notevoli differenze. Il primo è che la maternità, cioè dare alla luce e crescere i figli, è un aspetto centrale e avvincente della nostra vita. Il secondo concetto è che gli uomini non sono nostri nemici. Sono nostri amici e partner, uguali a noi ma diversi. Gli uomini sono i nostri padri, fratelli, mariti e figli, che camminano con noi nel nostro viaggio attraverso la vita.

Questi due concetti servono, anche se spesso non detti, come un legame comune e una comprensione condivisa per le donne ovunque, tranne, naturalmente, per le femministe radicali. Questi ultimi vogliono negarci la nostra femminilità e invece ci induriscono e ci amareggiano come loro stessi sembrano fare.

Per troppo tempo le donne sono rimaste in silenzio mentre le femministe radicali hanno dominato la conversazione con le loro richieste fanatiche. Per esempio, il movimento #MeToo, che avrebbe dovuto permettere a tutte le donne maltrattate un modo per parlare dei loro abusi, è stato trasformato, dalle femministe, in una colpa maschile per titoli irresponsabili, e una negazione del giusto processo per gli uomini. La cosiddetta Marcia delle donne su Washington, D.C., due anni fa, è stata una frode perché non ha rappresentato le donne come una voce unificata. Invece, ha rappresentato donne radicali e di sinistra che erano sconvolte dal risultato delle elezioni presidenziali americane del 2016 di Donald Trump. Pretendevano di parlare a nome della maggioranza delle donne, quando erano solo una minoranza marginale. Erano disonesti e fraudolenti nei loro pronunciamenti, che erano insultanti per le donne. Gli organizzatori di quella marcia hanno deliberatamente escluso le donne che erano pro-vita e pro-famiglia. Questi ultimi, a dir poco, hanno un approccio alla vita più sensato e ragionevole.

Tuttavia, lasciamo che queste femministe continuino a gridare le loro bestemmie. Hanno il diritto di esprimersi. Ma non dobbiamo aspettarci che ci rappresentino. Questo è doppiamente vero perché i leader di questa Women's March hanno riconosciuto pubblicamente il loro antisemitismo, che è totalmente ripugnante e inaccettabile.

Certo che noi donne vogliamo l'uguaglianza con gli uomini, ma alle nostre condizioni, non alle condizioni delle femministe radicali che, in effetti, si sono spacciate per donne per troppo tempo. Vogliamo uguaglianza, ma non privilegi. Il tempo è scaduto per le femministe militanti. È arrivato il momento di ritirare le loro richieste stantie e rigide.

La vera marcia delle donne

Per affermare l'autentica voce delle donne in tutto il mondo, 26 gruppi di donne di tutto il mondo, tra cui REAL Women of Canada, si sono uniti per formare un'organizzazione internazionale chiamata Women of the World (WoW). Il suo scopo è quello di collaborare attivamente per segnalare la nostra disapprovazione delle femministe radicali e la loro appropriazione indebita del concetto di donna, così come il loro odio per gli uomini. Questa è la prima pietra da posare nella costruzione di un edificio che richiederà molti anni per essere realizzato, ma dobbiamo cominciare.

L'organizzazione ha tenuto una passeggiata domenica 10 marzo 2019 a Madrid. La marcia, composta da donne, è passata alla storia per le sue richieste di equilibrio tra lavoro e vita privata, l'importanza degli uomini nella vita delle donne e la necessità di adeguare il mercato alle esigenze delle donne. Questa marcia è stata importante perché ha riconosciuto l'arricchente complementarietà e reciprocità tra donne e uomini, che sono alleati e partner. La marcia chiedeva i seguenti cambiamenti nella società

1. Eliminazione delle leggi di ideologia di genere che non rispettano o riconoscono l'identità femminile e la complementarietà dei sessi.
2. Orari di lavoro flessibili, telelavoro e contratti part-time per le lavoratrici.
3. Visibilità sociale e riconoscimento politico della dedizione delle donne alle loro famiglie e alle persone a carico.
4. Divieto legislativo di discriminazione contro le donne a causa della maternità, come le rappresaglie contro le donne dopo il ritorno dal congedo di maternità.
congedo di maternità.
5. Eliminazione delle quote: le donne vogliono equità, non privilegi.
6. Eliminazione della violenza domestica contro le donne, gli uomini, i bambini e gli anziani, e giustizia severa contro gli stalker, gli stupratori e gli assassini.
7. L'eliminazione della commercializzazione del corpo delle donne, attraverso la maternità surrogata, la pornografia e la prostituzione.
8. Sospensione dei finanziamenti all'industria dell'identità di genere e del femminismo e sostegno finanziario alle donne vulnerabili.

Questa marcia rivendica la femminilità del femminismo radicale e apre la porta a un nuovo approccio genuinamente femminile alla società, alla politica e al lavoro. Riconosce i desideri e i bisogni autentici delle donne.

Condividi!